Close

IL VINO SUONA?

Scrisse il filosofo Schopenhauer: “l’Architettura è Musica solida. Noi oggi, per altro verso, riteniamo che il Vino sia Musica Liquida”.

Ebbene sì, convincetevi, il vino ha un suono perché anch’esso è musica, e come tale è in grado di esprimere stati d’animo, emozioni, affetti, atmosfere. Ecco perché quando vino e musica si accoppiano è come se si mettesse in moto un moltiplicatore di sensazioni.

Studi scientifici dimostrano che l’ascolto di determinati brani musicali in fase di degustazione è in grado di esaltare il gusto del vino che stiamo bevendo. Un’indagine del professor Adrian North della Heriot-Watt University di Edimburgo, pubblicata dal British Journal of Psychology, ha coinvolto 250 studenti che sono stati invitati a sorseggiare due tipi di vino, un rosso (Cabernet Sauvignon) e un bianco (Chardonnay), con un brano musicale in sottofondo riproposto in “loop” per 15 minuti.

Quattro i brani selezionati: i Carmina Burana di Carlo Orff, identificati dai ricercatori come “potenti e pesanti”, il “sottile e raffinato” Valzer dei fiori dallo Schiaccianoci di Tchaikovsky, la “energica e rinfrescante” Just can’t get enough dei Depeche Mode, la “pastosa e soft” Slow Breakdown di Michael Brook.

Mentre i partecipanti sorseggiavano il vino è stato chiesto loro di descrivere le sensazioni ricevute. Risultato: la musica ascoltata dai volontari ha influito in maniera importante sulla percezione avuta al momento dell’assaggio del vino. Ad esempio, sia il bianco sia il rosso sono stati definiti potenti e pesanti in misura maggiore da chi li ha degustati ascoltando i Carmina Burana. In altre parole, la musica stimola specifiche zone del cervello per cui quando assaggiamo del vino, e contemporaneamente stiamo ascoltando dei brani musicali, queste aree del cervello sono già attive e quindi influenzano il gusto che percepiamo dal vino.

Da qui all’elaborazione di una carta musicale dei vini il passo è breve. Riprendendo gli abbinamenti proposti da alcune riviste britanniche si possono consigliare per il Cabernet Sauvignon brani come la potente Honky Tonk Women dei Rolling Stones, All Along the Watchtower nell’allucinata versione hendrixiana e l’incalzante Won’t Get Fooled Again degli Who. L’ascolto di Sitting on the Dock of the Bay di Otis Redding, Easy di Lionel Ritchie e Heartbeats di Josè Gonzales enfatizza il gusto morbido e rotondo, un po’ “piacione” del Merlot, mentre il Syrah, di grande spessore gustativo, dà il meglio di sé con Nessuno dorma di Puccini, interpretato da Pavarotti, e Chariots of Fire di Vangelis, imponente e solenne colonna sonora, in sottofondo. Lo Chardonnay, a sua volta, vino eclettico e versatile, si lega bene a brani pop-rock con evidenti influenze disco quali Atomic di Blondie, Rock DJ di Robbie Williams, What’s Love Got To With It di Tina Turner e Spinning Around di Kylie Minogue. E, per finire, volendo esaltare le sensazioni trasmesseci da un corposo e piacevolmente caldo Pinot Grigio, non c’è niente di meglio dell’energia trasgressiva di un pezzo di Lady Gaga.

Volete provare anche voi ad abbinare la musica giusta al vino che state bevendo? 😉

Cabernet Sauvignon Honky Tonk Women Rolling Stones
Merlot Sitting on the Dock of the Bay di Otis Redding
Syrah Nessuno dorma di Puccini, interpretato da Pavarotti
Chardonnay Atomic di Blondie
Pinot Grigio Lady Gaga

 

(fonte: Il suono del vino)