Close

HOTEL Stories

  • Home
  •  / 
  • HOTEL Stories

Relais Villa Roncuzzi
UNA STORIA GIALLA

di Roberta Minghetti  ♦ Mi presento Tutti mi chiamavano GR, dicevano che assomigliavo a un tipo di grano che un tempo cresceva qui nelle campagne di Russi, il Gentil Rosso: più alto di tutti, generoso ma che “dava da fare” durante la mietitura. Da Gierre tempo qualche primavera e per comodità divenni Gir e poi Zìr che in dialetto romagnolo vuole Scopri

Hotel Suite Inn
CE CH’AL VA E CE CH’AL RESTE

di Paola D'Agaro  ♦ Il giorno in cui Jacu dai Rais scomparve nel nulla era un giorno come ce ne sono tanti ad Avasinis, piovoso e lento. Rivoli di fango tra le poche baracche rimaste dal post-terremoto, lampadine da 30 candele accese in pieno giorno, fili elettrici sospesi, impalcature sparse, il chiocciare delle galline nei Scopri

Relais Villa Roncuzzi
ANGELICA E IL DRAGO

di Ornella Fiorentini  ♦ 1) IL DRAGO. La dottoressa Angelica Flor richiuse la porta dietro di sé. Lasciò cadere sul tappeto rosso la pesante borsa di cuoio. Scaraventò il giubbotto di pelle nera sul divano. Raccolse i lunghi capelli color miele in uno chignon disordinato che metteva in risalto la nuca graziosa, i lineamenti regolari, Scopri

Boutique Hotel Zenana
UN MONDO A PARTE

di Barbara Gramegna  ♦ Dopo la rivoluzione del febbraio 1917, lo zar Nicola II venne arrestato e successivamente deportato a Tobolsk, una citta siberiana, e quindi a Ekaterinburg, negli Urali. Nell’estate del 1918 la Russia si trovò in piena guerra civile. L’esercito bianco, fedele allo zar, circondò Ekaterinburg e cercò di creare le condizioni per Scopri

Al Battistero d’Oro B&B
UNA COPERTA PER DUE

di Francesca Gerla  ♦ «Luca! Luca!» «Eh?» Allungo una mano fuori dalle coperte per afferrare l’orologio che ho lasciato sul comodino. È l’una di notte. Perché Antonio grida così? «Luca, guarda!» Mi stropiccio gli occhi. Alzo le palpebre, ma quelle si riabbassano subito. La battaglia dura poco; seguo l’istinto e mi giro dall’altra parte. «Ma Scopri

Masseria Susafa
’U STRATTU

di Daniela Cicchetta  ♦ La donna attraversò il Baglio con un cesto di vimini pieno di ortaggi, lo teneva poggiato sul fianco e aveva un’andatura sbilanciata, il corpo esposto all’indietro e il bacino proteso in avanti. Indossava pantaloni alla cavallerizza e una maglietta bianca, gli stivali da cavallo della passeggiata mattutina erano sporchi della terra Scopri

Palazzo Vitturi
IL VIAGGIATORE

di Michele Costantini  ♦ Il colombo dimenava le ali, assieme a tutto il resto del corpo, goffo ed ansimante, appesantito dalla fatica. Sentiva ogni fibra del suo corpo allungarsi e contorcersi nel disperato tentativo di sfuggire al nemico. I due gabbiani lo stavano inseguendo appaiati, dispiegando le loro grandi ali bianche con più eleganti gesti, Scopri

Locanda Senio
L’HIBISCUS

di Ornella Fiorentini  ♦ Fiore scardina dal muro l’ultima porta della vecchia casa. È la settima, quella della camera dove dormiva la sorella. Lo fa con un gesto secco. Il legno geme con un suono stridente di violino scordato. Fiore, vestito con una tuta sporca di vernice, scende le scale lentamente tenendo la porta nera Scopri